closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«In Brasile la repressione è forte, ma noi restiamo fermi»

Intervista. Francisco Dal Chiavon, uno dei fondatori del Movimento Sem Terra

«Contro la mobilitazione che cresce, Temer manda l'esercito. È la prima volta che succede dalla fine della dittatura». Così dice al manifesto Francisco Dal Chiavon, storico dirigente brasiliano del Movimento Sem Terra. Francisco è in Italia per un giro di conferenze: domenica sarà alla Città dell'Altra economia (ore 10, Largo Dino Frisullo), martedì al Centro sociale Spartaco (alle 18, via Selinunte 57). Il suo percorso ha accompagnato quello del movimento Sem Terra, di cui è stato uno dei fondatori, nel 1984. Qual è il bilancio oggi? In quegli anni c'era un grande problema sociale, in Brasile. Si era nell'ultimo periodo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.