closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La psichiatria non vede le relazioni sociali

Storie "americane". I casi di Monaco e Ansbach. Non si può accettare che il comparto dei saperi psico-sociali contribuisca a occultare, mistificare, cancellare la dimensione politica della vita

Sono storie molto diverse questa del giovane suicida che domenica ad Ansbach cercava la strage e quella di Ali Sonboly, suicida anche lui, che a Monaco è riuscito a realizzarla. Il primo, Mohammed Deleel, è un profugo siriano, e il fatto che giusto sabato un altro profugo siriano abbia commesso, sempre in Germania, un delitto di tutt’altra natura - l’uccisione di una donna che lo respingeva - ha subito spostato il discorso sui rischi dell’accoglienza e sul pericolo islamico. Sono temi questi assai più drammatici ma in fondo meno inquietanti di quelli evocati dalla strage fatta dallo studente tedesco-iraniano, integrato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi