closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La protesta silenziosa degli working poor: non accettano più lavori da fame

Stati uniti. I settori dei servizi e della vendita al dettaglio lamentano carenza di dipendenti. Malpagati e senza copertura sanitaria, con un'inflazione in crescita, i lavoratori poveri non possono più permettersi le stesse condizioni di lavoro pre-pandemia. E così rallenta tutta l'economia, da Uber alla General Motors

Un lavoratore in un ristorante di Chicago

Un lavoratore in un ristorante di Chicago

I settori dei servizi e della vendita al dettaglio Usa lamentano la carenza di lavoratori, problema di cui non riescono a farsene una ragione, considerando che il tasso di disoccupazione è superiore al 5%. Eaccusano il governo di star sostenendo economicamente i cittadini con assegni di disoccupazione che spesso sono più convenienti dei salari. «Pagateli di più», aveva pubblicamente suggerito il presidente Biden interrogato a proposito. I dipendenti statunitensi, complice anche l’aumento dei prezzi dovuto all’inflazione, sono alla ricerca di posti di lavoro con una retribuzione più elevata che permetta di riuscire a sostenersi e con benefit reali, come la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.