closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La promessa del G7: almeno 15% di tasse sugli utili dei big tech

Pagherete poco. Il summit però non può imporre nulla agli Stati: prossima tappa per definire un accordo concreto sarà al G20 di Venezia a luglio

È la fine dei paradisi fiscali? Le grandi multinazionali del digitale, Amazon, Google, Facebook, pagheranno le tasse? È quello che hanno promesso ieri i ministri della Finanze del G7 – i sette paesi più industrializzati – riuniti a Lancaster House a Londra, dopo una discussione durata 48 ore, che apre la porta a un progetto di riforma della fiscalità mondiale. Usa, Canada, Giappone, Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia si sono detti a favore di una tassa di «almeno del 15%» sugli utili delle multinazionali, applicata nei paesi dove questi benefici vengono realizzati, di modo che le grandi società non possano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.