closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

La procura: «Il sequestro a garanzia della produzione»

Taranto. Dopo le polemiche, interviene la magistratura: non è previsto alcun divieto d’uso

Ilva di Taranto, proteste

Ilva di Taranto, proteste

È durata poco più di 24 ore la teoria del gruppo Riva Acciai, che aveva giustificato il fermo di tutti gli impianti e i conseguenti 1.400 esuberi non come una scelta aziendale, ma come un «atto dovuto» dopo l’ultima operazione della magistratura tarantina eseguita nei confronti del gruppo lombardo. Dopo giorni di polemiche ed attacchi da parte di Confindustria e Federacciai, oltre che di diversi esponenti di Pdl e Lega Nord, arriva direttamente dalla procura di Taranto il chiarimento che spegne ogni dubbio sull’ennesima paventata "congiura"giudiziaria in atto in Italia. Il sequestro «tuttora in corso di esecuzione», spiega il procuratore...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi