closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La procura di Roma: «Stefano Cucchi fu pestato dai carabinieri»

Giustizia. Il procuratore capo Giuseppe Pignatone vuole l’incidente probatorio per chiedere un nuovo processo. Per i magistrati «è stata ostacolata la ricostruzione dei fatti e l’identificazione dei responsabili»

ILARIA, SORELLA DI STEFANO CUCCHI, MOSTRA LA FOTO DEL CADAVERE DAVANTI AL TRIBUNALE DI ROMA

ILARIA, SORELLA DI STEFANO CUCCHI, MOSTRA LA FOTO DEL CADAVERE DAVANTI AL TRIBUNALE DI ROMA

La «svolta» della procura di Roma preannunciata a metà settembre scorso da Ilaria Cucchi è arrivata: «Nella notte tra il 15 ed il 16 ottobre 2009 Stefano Cucchi fu sottoposto ad un violentissimo pestaggio da parte di Carabinieri appartenenti al comando stazione di Roma Appia». A scriverlo nero su bianco in una richiesta di incidente probatorio per chiedere al gip una nuova perizia medico legale sulle lesioni riscontrate sul corpo dell’allora 31enne geometra romano, sono ora il procuratore capo Giuseppe Pignatone e il sostituto Giovanni Musarò, responsabile dell’inchiesta bis aperta sei anni dopo quella morte rimasta finora senza responsabili. Il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.