closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La prima internazionale, affresco di un fallimento politico

Saggi. «L’Internazionale degli operai» di Maria Grazia Meriggi per Franco Angeli. L’analisi di una ricca esperienza politica interrotta dalla Grande Guerra, ma che rivela una inedita attualità

Un secolo fa, nell’estate del 1914 il «mancato congresso» dell’Internazionale sancì il «fallimento» del movimento operaio dinanzi ai venti di guerra: le espressioni si devono a Georges Haupt, che in un tuttora indispensabile volumetto edito nel lontano 1965 cercò di indagare sulle ragioni della «tragica fine di tutta un’epoca del socialismo», con i lavoratori europei contrapposti sui campi di battaglia, a pagare il prezzo di una guerra decisa da ristretti circoli politico-militari e celebrata da intellettuali di ogni tendenza (tradotto in italiano da Samonà e Savelli nel 1970; una mirabile sintesi si trova nella raccolta postuma L’Internazionale socialista dalla Comune...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi