closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La prima crisi per Trump, Cina irata per scudo a Seul

Poco Pacifico. Corea del Nord e Malesia ai ferri corti dopo la morte per omicidio di Kim Jong-nam. Dopo i missili di Pyongyang gli Usa procedono con il sistema di difesa in Corea

Proteste in Corea del sud contro lo scudo anti missile

Proteste in Corea del sud contro lo scudo anti missile

L’area del Pacifico è da anni in costante tensione, tanto da essere considerata un potenziale focolaio di futuri conflitti, a causa di diversi fenomeni: da un lato c’è la contesa territoriale che contrappone la Cina a tutti i paesi dell’area, supportati (fino ad oggi) dagli Stati uniti; dall’altro c’è l’enigma determinato dall’imprevedibilità della Corea del nord. PROPRIO DA PYONGYANG arriva la prima crisi regionale dell’era Trump. Il presidente americano in questo caso si trova in piena continuità con il passato: a fronte del lancio di quattro missili da parte della Corea del nord verso il Giappone (tre dei quali caduti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.