closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

La pornografia dei bambini poveri

Verità nascoste. La rubrica a cura di Sarantis Thanopulos

Pierpaolo Brovedani: «In questo periodo di lockdown ho avuto modo di riflettere, da pediatra, sugli spot “umanitari” che alcune onlus ci mandano in continuazione con immagini di pietismo e orrore, quasi sempre di bambini africani in condizioni drammatiche. Matt Collin definisce "pornografia della povertà" l’immagine che sfrutta le condizioni dei poveri per aumentare le donazioni: "Lo stereotipo della pornografia della povertà è il bambino africano con pancia gonfia, lo sguardo fisso verso la telecamera, in attesa di essere salvato". Ci sono dentro quasi tutti: da Save the Children a Medici Senza Frontiere, senza escludere Emergency e nemmeno l’istituzionale Unicef. Alcuni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi