closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La pin up che stregò l’uomo dinoccolato

Doppio passo / 8. Era il 1933 quando Ginger Rogers, per la prima volta, si ritrovò a danzare con Fred Astaire nel film «Carioca». Lei era già famosa a Hollywood, lui era un corpo teatrale. Biografia rocambolesca di una coppia strepitosa di ballerini americani

Fred e Ginger in «Carioca», 1933, regia di Thornton Freeland

Fred e Ginger in «Carioca», 1933, regia di Thornton Freeland

Cinquanta minuti. Se si somma il tempo occupato dai duetti di Fred Astaire e Ginger Rogers nei sette film della Rko che hanno costruito la loro inossidabile fama, non si arriva neanche a un’ora. Ma quel tempo è bastato per fare delle loro danze una rappresentazione inossidabile dell’amore romantico, quello che capita una volta sola nella vita e non finisce mai. Quei sette film non erano i primi per Ginger e Fred. Non lo erano per lei, che nel 1933, quando per la prima volta si ritrovò a danzare con Fred in Carioca, era già famosa a Hollywood e a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.