closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

La partita a poker sulle nomine Ue

Sbilanciamo l'Europa . Il 16 luglio sapremo se l’Italia avrà conquistato il prestigioso ruolo di Alto rappresentante per la politica estera con la nomina di Mogherini

La ministra degli esteri Federica Mogherini

La ministra degli esteri Federica Mogherini

Il semestre renziano coincide con l’inizio dell’ottava legislatura dell’Europarlamento: dopo il voto del 25 maggio, i diversi gruppi hanno trovato la loro definitiva composizione e a novembre si insedierà ufficialmente una nuova Commissione. Che, com’è noto, sarà presieduta da Jean-Claude Juncker, candidato del Partito popolare europeo, cioè del gruppo di maggioranza relativa: la sua nomina tiene conto, per la prima volta nella storia, del risultato elettorale (come prevede l’articolo 17 paragrafo 7 del Trattato Ue). Un indiscutibile passo in avanti, che non può tuttavia essere confuso con una piena democratizzazione delle istituzioni Ue, che per essere tale dovrebbe prevedere un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi