closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La parola è taumaturgica

Poesia. «Di questo mondo», il libro pubblicato da Aragno di Daniela Attanasio dove l'autrice, con una scrittura piana, narra «quell'accumulo di invenzioni che nascono per riempire l'assenza»

Di libro in libro, Attanasio è sempre più attenta alla concretezza, alla natura fisica della sua lingua: le labbra sono fin dalla prima pagina pastose e, da subito, la scia delle stelle è detta «farinosa». Abbandonata (ma non del tutto, se basta il sibilo di un «soffio d’erba») la mobilità magniloquente e inquieta del mare, l’isola dove esistere è avere amato, si sta davanti alla natura come una pianta infitta nella terra. L’intenzione di restituire il reale con onestà profonda è altrettanto onestamente chiara. La scrittura di Daniela Attanasio, anche nel suo libro Di questo mondo (Aragno editore) vuole essere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi