closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La parola che fa mondo

Intervista con lo scrittore di Nairobi Binyavanga Wainaina, che è stato ospite a Mantova per presentare il romanzo "Un giorno scriverò di questo posto"

Un'opera dell'artista kenyota Kivuthi Mbuno

Un'opera dell'artista kenyota Kivuthi Mbuno

Quella descritta da Binyavanga Wainaina in Un giorno scriverò di questo posto (tradotto in Italia dalla casa editrice 66th&2nd e recentemente presentato al Festivaletteratura di Mantova) è la storia di un ragazzino africano tra tanti, nato a Nakuru, Kenya, agli inizi degli anni Settanta, che un giorno si innamora della parola e ne fa il suo credo, la sua grande passione e unica missione, la sua lente per guardare e interpretare il mondo. Attraverso questa lente e in una carrellata di luoghi, eventi e personaggi nell’arco degli ultimi quarant’anni, sono tante le Afriche ritratte da Wainaina, dall’Uganda sanguinolenta di Idi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi