closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La parola ai privati. L’ordine delle cose è salvo

Il G20 sulla Salute. La sintassi del summit non lascia equivoci. Il vertice ha concesso un’ingombrante titolarità al settore privato. La proprietà intellettuale è stata evocata timidamente da Italia, Francia e Spagna e neutralizzata. La proposta di India e Sudafrica esce indebolita e infine l’Oms ha manifestato tutta la sua marginalità

Ursula von rer Leyen e Mario Draghi alla conferenza stampa dopo il G20 sulla salute globale

Ursula von rer Leyen e Mario Draghi alla conferenza stampa dopo il G20 sulla salute globale

Dissento da coloro che sostengono che il summit sulla salute globale tenutosi a Roma il 21 maggio sia stato un’occasione perduta. Il summit, condotto con sapienza da Ursula von der Leyen e Mario Draghi, ha perfettamente centrato l’obiettivo che si era dato: tastare il polso dello status quo sanitario e assicurarsi che nessuna terapia estemporanea potesse metterne in discussione l’incerto stato di salute. L’incontro internazionale, con la partecipazione dei pezzi da novanta della leadership mondiale, è stato un successo incontestabile. L’ordine delle cose, pur imbellettato dallo sdegno retorico delle inaccettabili disparità nella distribuzione mondiale dei vaccini - l’85% delle dosi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi