closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La nostalgia arcaica della comunità

POPULISMI. Un’intervista con lo storico dell’America Latina Loris Zanatta. Le rivoluzioni politiche dell’Ottocento hanno dissolto la dimensione sacrale delle relazioni sociali. La crescita di fenomeni politici xenofobi e autoritari è speculare alla crisi della democrazia rappresentativa

Gente in strada per la festa «Los indianos»

Gente in strada per la festa «Los indianos»

«Che cos’è il populismo? Se me lo chiedi non lo so, se non me lo chiedi lo so». Questa breve formula potrebbe riassumere perfettamente la confusione che attualmente avvolge il concetto di populismo. Forse, qualcuno afferma, converrebbe liquidare il termine, data l’ambiguità che oramai ha raggiunto. Ma, come ricorda il docente di storia latinoamericana all’università di Bologna e di Buenos Aires Loris Zanatta nell’intervista avvenuta tra la città emiliana e i nodi della Rete, di populismo si parla e si continuerà a parlare a lungo: «più si maledice la parola, più ricompaiono curiosi fenomeni storici per definire i quali non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi