closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

La noncuranza, sai, è come il vento

Il colonnino infame. Pinuzzu ‘o milliardariu svitò il tappo della tanica, annusò e disse: «inzomma, si poteva avere di meglio...»...

Pinuzzu ‘o milliardariu svitò il tappo della tanica, annusò e disse: «inzomma, si poteva avere di meglio...», a quel punto Totò versa-versa (che le taniche con l’acido le aveva procurate lui personalmente), si sentì punto nell’orgoglio: «guarda che l’acido di prima qualità è, versa versa, e vedi come scioglie bene!”» Pinuzzu ‘o milliardariu si avvicinò alla vasca da bagno dove stava adagiato il cadavere del grossista di agrumi che non aveva pagato il pizzo e si fece una mezza risata: «ma che hai capito Totò? mica l’acido... io diciva d’o govierno Draghi che si poteva avere di meglio». «Pi mmia,»...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi