closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Là nella valle… c’è un cantiere

Movimento. Voci della protesta dal cantiere transennato della Val Susa

Si sono conclusi il 17 marzo gli espropri più lunghi, complessi, anomali, militarizzati (e incredibilmente: ignorati) nella storia d’Italia, che peraltro nello stesso giorno ha festeggiato il 160 anniversario di Unità. Iniziate il 22 febbraio, al ritmo di circa 60 proprietari al giorno, queste requisizioni sono state gestite in toto dalla Telt (società di diritto francese, neanche l’ombra di un ufficiale giudiziario, l’Italia «presente» solo come forze dell’ordine a spese dei contribuenti) e riguardavano un’estensione di terreno ridicolmente minima: meno di un km quadrato di terra, che il Movimento NoTav acquistò collettivamente nel luglio del 2012, rievocati qui da Mauro...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.