closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La ’ndrangheta rideva del terremoto

Emilia Romagna. Tra i 160 arresti e gli oltre 200 indagati, anche il consigliere comunale forzista di Reggio. A capo di tutto, la cosca di Nicolino Grande Aracri, che nella regione aveva rapporti con politici, funzionari comunali, giornalisti e anche un poliziotto

Capannoni crollati durante il terremoto in Emilia

Capannoni crollati durante il terremoto in Emilia

Sono 160 gli arresti, 117 solo in Emilia-Romagna. Esplode così un’inchiesta nata a fine 2010, e che ora mostra, nero su bianco, l’esistenza da almeno venti anni di una cellula ’ndranghetista in Emilia Romagna. Non la classica attività mafiosa a base di controllo del territorio e pizzo, ma una cosca, quella guidata da Nicolino Grande Aracri, che in Emilia si era fatta imprenditrice silenziosa e che aveva rapporti con politici, funzionari comunali, giornalisti e in un caso anche un poliziotto. Epicentro dell’attività criminale Reggio Emilia, ma sono coinvolte anche le province di Parma e Modena. I 117 arrestati dell’inchiesta denominata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.