closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La natura proteiforme di Gioele Valenti

Note sparse. L'estro dell'artista siciliano dalle molteplici incarnazioni, tra cui JuJu che dà alle stampe «Maps and Territory»

Gioele Valenti

Gioele Valenti

Già da qualche anno, dai tempi di Ostro dei Lay Llama – che mostrava un orizzonte ultravioletto sulla superficie violacea del vinile uscito per Rocket Recording in un momento eccezionale per la psichedelia italiana: era il 2014 e vi risuonava, celeste e celestiale, il capolavoro dei Julie’s Haircut, Ashram Equinox –, l’astro di Gioele Valenti aleggia sull’ecosistema dell’indie e della psichedelia contemporanea seguendo quella traiettoria proficua che unisce l’Italia al Regno Unito e vede brillare, nei cataloghi delle etichette londinesi, gruppi italiani come i New Candy, i Julie’s Haircut, i Sonic Jesus, ecc., oltre alle molteplici incarnazioni di Valenti tra...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi