closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

La natura nel futuro

Arbor maxima. Una riflessione sul rischio che il turismo massificato, con i suoi crescenti ritmi di frequentazioni, possa minare le fondamenta del conservazionismo che da più di due secoli protegge i parchi e le riserve. Saremo costretti a prenotare con un anno di anticipo la nostra gita alle foreste delle Alpi?

Che idea abbiamo della natura? Che idea abbiamo di quei santuari che conservano e proteggono la natura? Scrivendo un viaggio nei luoghi e nel tempo come è stato Giona delle sequoie, contrappunto alla mia esistenza per un decennio, ho intravisto alcuni barlumi dell’idea che le diverse generazioni di uomini e donne di buona volontà, i primi decisamente più numerosi, hanno manifestato nel corso degli ultimi duecento anni di quell’involucro potenziale che è il «parco», la «riserva». L’IDEA CHE MOLTI DI NOI NE CONSERVANO in questi anni non è sempre stata soltanto quella. Anzitutto c’è voluto un bel salto dal passare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi