closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«La mia famiglia, specchio della crisi politica e sociale in Libano»

Venezia 78. Mounia Akl, regista di «Costa Brava» presentato a Orizzonti Extra

Mounia Akl

Mounia Akl

«Con il suo caos complesso e bellissimo, il Libano è stato di grande ispirazione. Amo il Paese e gli abitanti ma siamo governati da una classe politica criminale» racconta Mounia Akl, giovane regista libanese residente tra Beirut e New York, alla Mostra del cinema di Venezia con il suo primo lungometraggio Costa Brava presentato nella sezione Orizzonti Extra. Saleh Bakri e Nadine Labaki interpretano il padre e la madre della famiglia Badri, ritiratasi in un ambiente isolato e protetto in seguito alla frustrazione per il fallimento dei movimenti di protesta di cui avevano condiviso pratiche e ideali. Lo scorrere sereno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.