closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La merciaia che vorrebbe rammendare la grammatica

Habemus Corpus. Siccome ogni tanto mi piace pastrugnare con aghi e fili, pochi giorni fa entro nella merceria di quartiere...

Uno dice, «Vado in merceria a comprare due automatici» e oltre a quelli porta a casa un ricco cahier de doléance della merciaia per come le e i clienti strapazzano la nostra lingua. Che poi, a ben vedere, dietro al parlare approssimativo mica c’è solo l’ignoranza incolpevole, bensì anche un certo disinteresse verso il mondo. Ma procediamo dall’inizio. Siccome ogni tanto mi piace pastrugnare con aghi e fili, con esiti miserandi ahimé, pochi giorni fa entro nella merceria di quartiere, a cui bisognerebbe costruire un monumento per come sta resistendo a chi vorrebbe aprire al posto suo l’ennesima pizzeria da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi