closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

La memoria sommersa

STORIE. Cento anni fa veniva costruita la diga di Santa Chiara, al centro della Sardegna fra Ghilarza e Ula Tirso, vide al lavoro 16mila operai. Inaugurata da Vittorio Emanuele nel 1924 oggi torna al centro del dibattito

La diga di Santa Chiara

La diga di Santa Chiara

Ora sono paesaggi idroelettrici, perdipiù in abbandono, al centro della Sardegna fra Ghilarza e Ula Tirso: villette liberty e palazzine direzionali in degrado, semisommerse dall'acqua, sovrastate da un nuovo ponte, e la diga dell'ingegner Kambo, a conci e tegoloni - che fu a lungo la più grande d'Europa - visibile a seconda del livello delle acque del lago ingrandito nel 1998 con uno sbarramento a valle. Franco Taviani le dedicò su commissione dell'Enel un documentario, Adiosu, diga addio, proprio allora, nel 1998, e la cantò in qualche modo, nella sua architettura che riprendeva la forma dei nuraghi e delle tegole...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.