closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La materia viva e palpitante del jazz

Note sparse. «Double Up Plays Douple Up Plus», il nuovo disco di Henry Threadgill: la sua musica prende vita grazie a un organico come sempre sorprendente

A 74 anni compiuti e un Premio Pulitzer, Henry Threadgill sforna capolavori in serie. In questo suo ultimo lavoro si limita, si fa per dire, a sorvegliare la sua musica prendere vita grazie a un organico come sempre improbabile. Ma con Threadgill ciò che può sembrare bizzarro funziona sempre. Qui addirittura ci sono ben tre pianoforti (David Virelles, Luis Perdomo e David Bryant) oltre a due sax alto, violoncello, batteria e la tuba del fido Jose Davila. Su di lui poggia gran parte della complessa trama ritmica che pesca da suggestioni bandistiche, latin e funk. Quattro brani ancora una volta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.