closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La Maremma degli irriducibili

Scaffale. «Piccola controstoria popolare» di Alberto Prunetti, per Alegre. Viaggio in una terra indomabile

Un minatore sopravvissuto alla strage di Ribolla

Un minatore sopravvissuto alla strage di Ribolla

Prima che dalle paludi il fascismo doveva bonificare la Maremma da un rischio più grave: la sovversione. Ma non ci riuscì, racconta Alberto Prunetti in Piccola controstoria popolare (Pcsp) (Alegre, pp. 127, euro 13). L’ansia di capovolgere il mondo, di volere tutto e subito, o più semplicemente di resistere e non piegarsi all’autorità del Re, del fascio o dei poteri temporali e spirituali è stata più forte di tutto. In un libro che intreccia il racconto storico e la ricerca di archivio, il romanzo e la ricerca erudita in una narrativa ibrida Prunetti ricostruisce una storia fatta di eretici, minatori,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi