closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La mappa dell’orrore dell’Oim: il Covid non ferma i migranti

Il rapporto dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni. Nel 2020, almeno 3.174 persone sono morte in tutto il mondo, ma nel calcolo dei decessi mancano le «vittime fantasma», quelle che sfuggono ai rilevamenti

I resti di un barcone naufragato al largo di Melili

I resti di un barcone naufragato al largo di Melili

Niente può fermare i flussi migratori, perché le cause per cui le persone si spostano sono più forti di qualsiasi barriera: e non fa eccezione nemmeno una pandemia mondiale. Ad affermarlo è l’Oim, Organizzazione internazionale delle migrazioni, in occasione della Giornata internazionale delle migrazioni, che ricorre il 18 dicembre. Né il Covid19 né le restrizioni di viaggio hanno fermato «decine di migliaia di persone, che hanno continuato a lasciare le loro case e a intraprendere viaggi pericolosi». LA PERICOLOSITÀ di queste rotte ricade sulla vita dei migranti: nel 2020, 3.174 persone sono morte in tutto il mondo. Un dato terribile...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi