closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

La maledizione degli ex Fiat, comprati e venduti da imprenditori «mordi e fuggi»

Fiat. Termini Imerese, la protesta dei circa mille operai dopo l'ennesimo fallimento del rilancio dello stabilimento

A giugno scade la cassa integrazione per quasi mille operai, oltre c’è il baratro. Del progetto industriale Smart city group da 200 milioni di euro si sono perse le tracce. Il silenzio dei commissari di Blutec spaventa. Mentre dal Mise non arrivano segnali, nonostante le reiterate richieste d’incontro fatte da Fim Fiom e Uilm. Agli operai ex Fiat di Termini Imerese così non è rimasto altro che tornare in piazza: prima con un presidio davanti ai cancelli della fabbrica, poi con blocchi stradali di fronte alla Presidenza della Regione siciliana, dove alcuni operai due giorni fa si sono incatenati per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi