closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

La macchia di Fregene

Storie. 20 mila metri quadrati di macchia mediterranea rasi al suolo sul litorale romano e sull'unica duna rimasta sono passate le ruspe

Un'orchestra polifonica di cinguettii e il profumo salmastro di bosco marittimo accolgono chi si ritrova, a piedi o in bici, nel cuore della macchia mediterranea. Questo è senza dubbio uno degli ecosistemi più ricchi della penisola. È accompagnato spesso da dune e ricoperto da una fitta vegetazione, alta e bassa. Ripara l'interno dai venti carichi di salsedine, tiene ferma la sabbia limitando l'erosione della spiaggia. Ma è anche selvaggia, ispida e disordinata, almeno dal punto di vista dell'ordine umano. Va da sé che l'animale più autoreferenziale e predatore del pianeta, l'uomo, cerchi di riorganizzare quest'ordine, metterlo a sistema e addomesticarlo....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.