closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La lotta per le donne negli stadi in Iran

Sport e diritti. Il caso della polizia intervenuta a Pesaro per fermare le proteste di Darya Safai durante il match di volley Italia Iran

Darya Safai

Darya Safai

Primo week end di World League, l’Italvolley ha esordito venerdì scorso contro l’Iran a Pesaro. Sugli spalti un gruppo di tifose iraniane indossavano magliette bianche con la scritta «Let iranian women enter the stadiums» (Lasciate entrare le iraniane negli stadi), tra di loro c’era Darya Safai, esule in Belgio dopo aver partecipato nel 1999 alle proteste contro il governo. Darya, oltre a indossare la maglietta, reggeva lo striscione con la stessa scritta, in patria è conosciuta perché gira i palazzetti mondiali portando avanti la sua battaglia: in Iran le donne non possono assistere a eventi sportivi. La regia internazionale segue...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.