closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La lotta delle famiglie e dei precari di piazza Miraglia a Napoli

Napoli. La confraternita due anni fa ha sottoscritto un preliminare con i titolari dell'hotel Neapolis per trasformare lo spazio in un albergo e un mese fa ha provato a sfrattarli con gli agenti in assetto antisommossa

Sono stati tre giorni asserragliati negli uffici dell'assessorato al Patrimonio del comune di Napoli, a Palazzo San Giacomo. Ieri pomeriggio sono andati via, solo dopo aver ottenuto un impegno verbalizzato che vincola l'amministrazione a trovare loro una soluzione abitativa: si tratta delle famiglie e dei precari che hanno occupano due anni e mezzo fa un immobile in piazza Miraglia, proprietà della Confraternita dei servi di Gesù che però vuole sfrattarli. Nell'ex convento, poi convertito in uffici del vicino Policlinico prima di rimanere vuoto, hanno trovato rifugio 30 persone in forte disagio, un terzo bambini sotto i dieci anni. La confraternita...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.