closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La lotta dei No Tav al tribunale dei Popoli

Val Susa. L’organismo fondato da Lelio Basso dichiara ammissibile il ricorso presentato contro la grande opera

Ammissibile, in quanto «esemplare e rappresentativo dei meccanismi di espropriazione dei diritti di partecipazione e della stessa democrazia sostanziale». Il Tribunale internazionale e permanente dei diritti dei Popoli ha accettato il ricorso sul caso Tav presentato, l'8 aprile, dal Controsservatorio Valsusa - guidato dall'ex magistrato Livio Pepino - e da un folto gruppo di amministratori locali, che avevano denunciato «la violazione dei diritti fondamentali degli abitanti della Valle, in particolare, il mancato coinvolgimento del territorio e lo scavalcamento delle istituzioni locali nelle decisioni concernenti l’opera (anche in violazione di convenzioni internazionali)». I diritti dei No Tav sembrano aver trovato un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.