closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Visioni

La lingua universale e contemporanea di «Elisir d’amore»

Lirica. A Macerata l'opera di Donizetti per la regia di Damiano Micheletto

Mentre la stagione del Macerata Opera Festival volge al termine, possiamo dire che la scommessa giocosa e solo in apparenza svagata dell’Elisir d’amore risulta vincente sull’impegno ipertrofico del Flauto magico di Graham Vick e sull’effetto dejà vu della pur sempre bellissima Traviata degli specchi. Le ragioni, com’è ovvio, sono l’esecuzione musicale e l’allestimento scenico, che qui trovano un equilibrio raro e prezioso. Da un lato la scelta di Francesco Lanzillotta, direttore musicale dello Sferisterio, di proporre la partitura di Gaetano Donizetti nella sua integralità, riaprendo i cosiddetti tagli «di tradizione», non per accanimento filologico, ma per restituire dignità a una scrittura musicale raffinata troppo spesso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.