closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La lingua materna e la nominazione politica del mondo

POESIA. Ida Travi pubblica la sua nuova silloge «Dora Pal. La Terra» per Moretti&Vitali

Dominique Fortin

Dominique Fortin

Dora Pal. La Terra di Ida Travi (Moretti&Vitali, pp. 135, euro 14) è un testo poetico che pone questioni urgenti: come trovare le parole in questo mondo, sferzato da forze contrastanti? Come e da dove parlare quando migliaia di parole lo invadono? Quello che Ida Travi suggerisce è di trovare un modo generativo di nominare le cose. Per far questo ha dato vita a un mondo intermedio, quello che potrei chiamare una «terra di mezzo». Non la terra dei fatti, ma neanche un mondo di pura fantasia. Questa terra di mezzo, che lei chiama dei Tolki, degli esseri che parlano,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi