closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La lingua dimenticata che muove le montagne

Cinema. Capitalismo e sentimenti, come cambiare senza distruggersi? Jia Zhangke racconta in «Mountains May Depart»le trasformazioni della Cina immaginando i conflitti futuri. In gara sulla Croisette, arriva ora nel cartellone di Cannes a Roma e a Milano. Intervista al regista

Go West. Nel musical dei ragazzi cinesi anni Novanta i Pet Shop Boys hanno sostituito le canzoni di Mao, il ritmo risuona come una liberazione e insieme un imperativo: Go West, l’orizzonte della nuova Cina che cambia. Siamo a Fenyang, la città dove Jia Zhangke è nato, e dove torna per questo suo Mountains May Depart, in concorso al Festival di Cannes, e nel cartellone di Cannes a Roma (10-15) e a Milano (12-18). Non lo perdete perché è un film importante e intenso, uno dei migliori visti nella selezione ufficiale, dimenticato nel Palmarés (pessimo) ma questa è un’altra storia....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.