closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

L’arancione fuori moda

Primarie. La lettera dei sindaci Pisapia, Doria e Zedda, che invitano a ritrovare «l’unità larga del centrosinistra», accolta dal gelo dei renziani e della sinistra. Cofferati: «Quella stagione è finita». Civati: «Il dentrifricio non rientra nel tubetto». Sul piatto, per il primo cittadino uscente di Milano, c’è la sorte della coalizione in caso di vittoria alle primarie del «divisivo» manager Sala

Sindaci

Sindaci

C’è posta per chi? Non si è mica capito. I tre sindaci “arancioni” di Milano, Genova e Cagliari (Giuliano Pisapia, Marco Doria e Massimo Zedda) ieri più che una lettera hanno scritto una supplica disperata. Sulla casella della posta c’è ancora il nome del destinatario, che però è morto da un pezzo: si faceva chiamare centrosinistra. L’appello fuori tempo massimo punta a ritrovare «l’unità larga e aperta del centrosinistra» superando le divisioni per dare più forza alle «componenti della sinistra». E perché mai?, si chiederà Matteo Renzi. Nei fatti sarebbe come chiedere a Sel e sinistra varia di annullarsi nel...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi