closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La legge Zan e le ragioni del femminismo della differenza

Ddl Zan. La rivolta delle donne contro la cancellazione del proprio sesso non va sacrificata alla sacrosanta tutela delle persone omosessuali, bisessuali, transessuali e transgender

Una performance dell’artista Senga Nengudi

Una performance dell’artista Senga Nengudi

Il ddl Zan introduce i delitti di istigazione a delinquere e compimento di atti discriminatori e violenti fondati sul sesso, sul genere, sull'orientamento sessuale o sull’identità di genere. Finanzia politiche contro la violenza legata all'orientamento sessuale e all’identità di genere e istituisce la Giornata contro l'omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia, in cui sono organizzate, anche da parte delle amministrazioni pubbliche e nelle scuole, iniziative per promuovere la cultura del rispetto e dell'inclusione e a contrastare i pregiudizi, le discriminazioni e le violenze motivate dall'orientamento sessuale e dall’identità di genere. Per sesso, spiegano le definizioni di cui la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi