closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La legge sull’aborto non c’è, il futuro sì

Argentina. Dopo 17 ore di dibattito il Senato boccia la depenalizzazione dell’interruzione di gravidanza, ma le donne non si fermano: «Continueremo a lottare, faremo la storia»

Di fronte al Congresso le sostenitrici della legalizzazione dell’aborto ricevono la notizia della bocciatura al Senato

Di fronte al Congresso le sostenitrici della legalizzazione dell’aborto ricevono la notizia della bocciatura al Senato

Dopo quasi 17 ore di dibattito, alle 3 di ieri mattina il Senato ha deciso – 38 voti contro 31 – che tutto può restare così. Che le donne possono continuare ad abortire clandestinamente, a un ritmo di 57 interruzioni di gravidanza l’ora, ed eventualmente a morire dissanguate. A meno, è chiaro, che non siano ricche e possano pagarsi un buon medico per un aborto sicuro. «La cosa più grave di questa notte – ha dichiarato Cristina Kirchner, a cui è stato comunque rimproverato di non aver promosso la legalizzazione dell’aborto durante il proprio governo – è che si respinge...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.