closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La Lega di Salvini, un cavallo di Troia a Bruxelles

Governo Draghi. I nostri amici europei fanno fatica a capire le dinamiche del dibattito casalingo. Le ragioni del Capo dello Stato sono chiare e condivisibili. Tuttavia a livello Ue le cose stanno messe in un altro modo

Matteo Salvini

Matteo Salvini

C’è, nella crisi italiana, un aspetto che non sembra appassionare. Eppure ha a che fare con il cuore del problema: cosa deve diventare l’Europa nel post pandemia. La capogruppo dei Socialisti e Democratici a Bruxelles, Iraxte Garcia, ha espresso pubblicamente le sue preoccupazioni per le aperture a Matteo Salvini e il suo possibile ingresso nell’area di governo. Ovviamente non è in discussione la credibilità continentale del presidente incaricato Mario Draghi, ma, va detto per onestà intellettuale, lo schema che l’ex presidente della Bce si accinge a varare farà la differenza. I nostri amici europei fanno fatica a capire le dinamiche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi