closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La guerriglia va al museo

Mostre. «Disobedient object», la messa in scena dello scontro sociale al Victoria & Albert Museum

Carrie Reichardt

Carrie Reichardt

Il V&A Museum, in crescita impetuosa nell’ultimo decennio sotto la direzione di Moira Gemmil, ha saputo imboccare una strada di rinnovamento che gli ha definitivamente tolto l’aura di museo del «nuovo-vecchio». Mostre come Disobedient object (in corso fino al 1 febbraio 2015) sembrano riannodare il rapporto operativo con la contemporaneità, che è stato il motore originale della fondazione del museo. Il portale del V&A Museum ci accoglie con due patchwork ceramici collocati sopra le iscrizioni ai lati dell’ingresso. A colpo d’occhio, la ridondanza della tecnica si associa con familiarità all’architettura eclettica della facciata ma, passandogli accanto, ci si accorge che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.