closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La guerriglia va al museo

Mostre. «Disobedient object», la messa in scena dello scontro sociale al Victoria & Albert Museum

Carrie Reichardt

Carrie Reichardt

Il V&A Museum, in crescita impetuosa nell’ultimo decennio sotto la direzione di Moira Gemmil, ha saputo imboccare una strada di rinnovamento che gli ha definitivamente tolto l’aura di museo del «nuovo-vecchio». Mostre come Disobedient object (in corso fino al 1 febbraio 2015) sembrano riannodare il rapporto operativo con la contemporaneità, che è stato il motore originale della fondazione del museo. Il portale del V&A Museum ci accoglie con due patchwork ceramici collocati sopra le iscrizioni ai lati dell’ingresso. A colpo d’occhio, la ridondanza della tecnica si associa con familiarità all’architettura eclettica della facciata ma, passandogli accanto, ci si accorge che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi