closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La guerra, il regime, la rivolta. Irresistibili incontri con la Storia

Cinema. È scomparso a novant’anni Andrzej Wajda, il maestro del cinema polacco Palma d’oro nell’81 con «L’uomo di ferro»

Immortale Wajda. Sembra essere un dettaglio la sua scomparsa avvenuta domenica 10 ottobre a Cracovia all’età di novant’anni. La sua vita è stata infatti caratterizzata da continue rinascite, una serie di rinnovamenti stilistici, di pensiero, di anticipazioni dei tempi nuovi. Aveva la tempra del combattente dell’arte. «Finché siamo in vita la Polonia non è perduta» si canta nell’inno nazionale, lo abbiamo annotato da qualche parte, una frase che oggi assume il valore di un messaggio, poiché l’artista è stato per il suo paese un vate, un punto di riferimento per nuove generazioni e per la classe operaia quando si fece...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi