closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'inchiesta

La guerra dei Commons di Roma

Roma Capitale. Parte tra pochi giorni la prima batteria di processi (70 finora le citazioni in giudizio) che la Corte dei Conti ha istruito sulle irregolarità nella gestione dei beni comunali in concessione, chiamando gli amministratori a rispondere personalmente del presunto danno erariale. 100 milioni di euro, la cifra monstre che incombe su 5 dirigenti. Circa 989 spazi classificati «indisponibili»: destinati a enti e funzioni non profit

La mappa interattiva  del patrimonio immobiliare di Roma

La mappa interattiva del patrimonio immobiliare di Roma

Visualizza a schermo intero Cento milioni di euro. È questa la cifra monstre del danno erariale che incombe su 5 dirigenti capitolini a cui è toccata la cattiva sorte di amministrare negli ultimi 10 anni una porzione significativa dell’immenso patrimonio immobiliare del Comune di Roma. Partirà infatti a metà gennaio, a seguito dello scandalo «Affittopoli», una prima batteria di processi (sono 70 finora le citazioni in giudizio) che la Corte dei Conti ha istruito sulle irregolarità nella gestione dei beni comunali in concessione, chiamando gli amministratori a rispondere personalmente del presunto danno erariale. Parliamo dei circa 989 spazi che sono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi