closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

La grazia dell’ironia per storie di uomini votati al fallimento

Narrativa americana. L’esordiente di venticinque anni fa sembra arretrato all’ambizione di piacevole intrattenitore, tuttavia i suoi racconti sono ottimamente scritti: «Una cosa sull’amore», da Mondadori

Elizabeth Peyton, Jarvis, 1996

Elizabeth Peyton, Jarvis, 1996

Un esordio affidato a una strategia narrativa insolita e realizzata con successo può rivelarsi, per molti scrittori, l’ipoteca più difficilmente riscattabile, ed è già un merito cedere alle rassicurazioni offerte dagli echi della tradizione romanzesca piuttosto che sperticarsi nella ricerca di qualche trovata capace di replicare l’exploit cui si deve la propria fama. Questo viene da pensare leggendo i racconti che Jeffrey Eugenides ha scritto lungo tutta la sua carriera, ora raccolti nella  antologia pubblicata da Mondadori con il titolo Una cosa sull’amore (traduzione di Katia Bagnoli, pp. 295, euro 20.00). Ben costruiti, affidati a una voce sicura e dalla...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi