closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La grana Québec rovina la campagna di Trudeau

Canada. Il 20 si vota. La provincia francofona contro i liberali rilancia il conservatore O’Toole

Dibattito fra i candidati O’Toole, Trudeau, Paul Singh e Blanchet

Dibattito fra i candidati O’Toole, Trudeau, Paul Singh e Blanchet

Dopo aver convocato le elezioni anticipate per il 20 settembre, Justin Trudeau si aspettava una campagna semplice. La buona gestione della pandemia gli aveva permesso di raccogliere consensi e il suo rivale, il conservatore Erin O’Toole, era praticamente sconosciuto. Per ottenere la maggioranza in parlamento e liberarsi del governo di minoranza ottenuto nel 2019, poi, gli basterebbero appena 15 seggi. Ma le cose non sono andate lisce come previsto: O’Toole ha saputo tenergli testa e la ricerca dei voti si è rivelata complicata. Trudeau ha puntato tutto sul Québec – la provincia francofona e autonomista legata alla storia della sua...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.