closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La gonna di Khulood e la gogna mediatica: i due volti di Riyadh

Arabia saudita. Arrestata per aver indossato «abiti offensivi», la giovane è stata rilasciata. Sauditi scatenati: processatela. Ma le donne la sostengono. L’hashtag «la modella sia portata di fronte ad una corte» è diventato virale. Ma non mancano le voci a suo sostegno, soprattutto femminili

Donne saudite per la prima volta al voto nel dicembre 2015

Donne saudite per la prima volta al voto nel dicembre 2015

La ragazza cammina di spalle nell’antica fortezza di Ushayqir. Capelli neri, t-shirt nera a maniche corte e una gonna sopra il ginocchio. Il video viene pubblicato sul social network Snapchat e diventa virale in poche ore. Il motivo è semplice: il villaggio in questione si trova nella provincia di Najd (luogo natale del wahhabismo, movimento islamico ultraconservatore alla base della fondazione stessa dell’Arabia saudita) a 150 chilometri da Riyadh e la ragazza – c’è chi dice una modella – è una cittadina saudita. E scoppia la bufera nel paese tra i più conservatori al mondo, dove per legge la donna...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.