closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

La Germania studia una legge per vietare «diritti speciali» ai vaccinati

No alla «patente di immunità». La norma si aggiungerebbe alla proibizione già in vigore nel settore pubblico. Il Paese punta a immunizzare più persone possibili: dal V-Day a ieri nei 16 Land il vaccino è già stato inoculato a 41.962 persone

Il centro vaccini all’Arena Treptow di Berlino

Il centro vaccini all’Arena Treptow di Berlino

Nessuna discriminazione per i non vaccinati, nel settore pubblico come nel privato. Da ieri è allo studio degli esperti legali di Spd, Cdu e Csu l’apposita legge per vietare i «diritti speciali» a favore degli immunizzati dal Covid-19. «Stiamo valutando la possibilità di varare a breve una norma che consenta di evitare la disparità di trattamento da parte delle imprese fra chi si è sottoposto alla vaccinazione e chi no» conferma Johannes Fechner, portavoce degli affari giuridici della Spd. Si aggiungerebbe alla proibizione già in vigore nel settore pubblico, e servirebbe al governo Merkel per «colmare la lacuna normativa» che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi