closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

La geopolitica della medicina

Storia della scienza . La vicenda dei vaccini Covid ricorda da vicino quella della penicillina. Nella guerra fredda il farmaco fu oggetto di blocchi all’esportazione, spionaggio e propaganda internazionale

In alto, Sir Alexander Fleming, col papillon, ispeziona i serbatoi di germinazione dove viene coltivata la muffa Penicillium Notatum nel New Brunswick, il 30 giugno 1945. Qui sopra, un autografo foto Ap

In alto, Sir Alexander Fleming, col papillon, ispeziona i serbatoi di germinazione dove viene coltivata la muffa Penicillium Notatum nel New Brunswick, il 30 giugno 1945. Qui sopra, un autografo foto Ap

Cittadini preoccupati, privati di un farmaco che per una decisione presa nelle stanze del potere non viene distribuito. Scontri tra nazioni, rivalità tra aziende, propaganda politica, veri o presunti, si mescolano nella comunicazione e prendono piede tra il pubblico, insieme ai complotti più o meno credibili. LA FARMACEUTICA non è nuova a certe vicende: i farmaci sono più che semplici merci, e più importanti sono, maggiore è il rischio che vengano usati per fini altri rispetto alla salute dei cittadini. Un esempio illuminante è la penicillina: farmaco miracoloso, giustamente salutato come una rivoluzione terapeutica, celebrato con un premio Nobel assegnato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi