closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Un contingente italiano ai confini russi? Bufera baltica sul governo

Guerra Fredda 2.0. L’Italia farà parte di uno dei quattro battaglioni dell'Alleanza schierati nei Paesi ex sovietici. Dopo le rivelazioni del segretario Nato, Gentiloni conferma, Pinotti minimizza e Renzi ci scherza su. Furiose le opposizioni

Il segretario della Nato Jens Stoltenberg

Il segretario della Nato Jens Stoltenberg

«Presidente, si stava progettando un piano di invasione della Russia...». Matteo Renzi ha provato a sdrammatizzare così, ieri, a margine della colazione di lavoro con Mattarella in vista del Consiglio europeo, la situazione scivolosa venutasi a creare dopo le dichiarazioni del segretario della Nato Jens Stoltenberg, riportate in prima pagina dalla Stampa il giorno precedente. Un contingente di soldati italiani «farà parte - aveva detto Stoltenberg - di uno dei quattro battaglioni dell'Alleanza schierati nei Paesi baltici». Autentico "fuoco amico" sull’atteggiamento di estrema riservatezza, per non dire omertoso, mantenuto dal governo su una questione così delicata. Rivelazioni che ieri hanno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi