closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

La Francia, regno del diesel, trema

Scandalo Volkswagen. Royal nomina una commissione, per fare dei test "a caso" sulle auto diesel e verificare il rispetto delle norme. I Verdi chiedono l'uscita dal diesel in cinque anni. Ma più del 60% del parco automobilistico francese è diesel, grazie a sgravi fiscali. I test Ue sono più "flessibili" di quelli Usa, su pressione dei costruttori. Nuove norme previste nel 2016 e 2017

La ministra dell'ambiente francese Ségolène Royal

La ministra dell'ambiente francese Ségolène Royal

La Francia è il paese al mondo dove circola il maggior numero di auto diesel, pari a circa il 60% del parco automobilistico (contro meno del 5% negli Usa) e molte auto sono vecchie e quindi maggiormente inquinanti. Renault e Psa, si sono specializzate nel diesel, da sempre favorito in Francia con un fisco favorevole: le tasse sono inferiori e causano un mancato guadagno per lo stato di circa 7 miliardi l’anno. Lo scandalo Volkswagen preoccupa quindi in Francia, anche se Psa e Renault (con l’alleata giapponese Nissan e il partner tedesco Daimler) assicurano che i loro prodotti rispettano scrupolosamente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.