closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

La Francia frena, ma non chiude

Stretta nirata. Restano aperte le scuole, dagli asili ai licei, e pochi corsi all’università

Il primo ministro Jean Castex annuncia le nuove misure

Il primo ministro Jean Castex annuncia le nuove misure

Di fronte all’aggravamento dei contagi, in 16 dipartimenti, che comprendono Parigi e la regione Ile-de-France, oltre al Nord, la Francia ha scelto una via mediana: non chiude le scuole, dagli asili ai licei, restano i pochi corsi all’università, lo sport resta permesso (ma al massimo a 10 km da casa). Ma i viaggi interregionali sono proscritti, salvo emergenze. Per limitare la frequentazione dei trasporti, viene favorito ancora il telelavoro. Il coprifuoco, che dal 16 gennaio era imposto alle ore 18 in tutto il paese, passa alle 19 (arriva l’ora estiva). Queste misure, più mirate territorialmente, entrano in vigore stasera, per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi