closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

La Francia frena, ma non chiude

Stretta nirata. Restano aperte le scuole, dagli asili ai licei, e pochi corsi all’università

Il primo ministro Jean Castex annuncia le nuove misure

Il primo ministro Jean Castex annuncia le nuove misure

Di fronte all’aggravamento dei contagi, in 16 dipartimenti, che comprendono Parigi e la regione Ile-de-France, oltre al Nord, la Francia ha scelto una via mediana: non chiude le scuole, dagli asili ai licei, restano i pochi corsi all’università, lo sport resta permesso (ma al massimo a 10 km da casa). Ma i viaggi interregionali sono proscritti, salvo emergenze. Per limitare la frequentazione dei trasporti, viene favorito ancora il telelavoro. Il coprifuoco, che dal 16 gennaio era imposto alle ore 18 in tutto il paese, passa alle 19 (arriva l’ora estiva). Queste misure, più mirate territorialmente, entrano in vigore stasera, per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.