closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

La foto copia, la foto voluta

Cartelli di strada. Prendendo immagini di volti appartenenti a personaggi noti e, soprattutto, a persone comuni incrociate per strada, Diane Arbus si lasciò sfuggire una battuta su sé stessa...

Vivian Maier, «Autoritratto», 1953

Vivian Maier, «Autoritratto», 1953

Prendendo immagini di volti appartenenti a personaggi noti e, soprattutto, a persone comuni incrociate per strada, Diane Arbus si lasciò sfuggire una battuta su sé stessa: «Non ho mai ottenuto uno scatto come volevo: è sempre venuto migliore o peggiore». La fotografa americana, scomparsa negli anni ’70, adoperava fotocamere (la Mamiya, la Rollei biottica, la Pentax 6x7) con pellicole di medio formato che davano immagini nitide e dettagliate. Tutt’altra resa rispetto agli apparecchi con film-cine da 35 millimetri, altrimenti conosciuti come «formato Leica». La Arbus era una professionista. Eppure, come si evince da quella sua ammissione, uno scatto per ottenere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi